Recensione: The Wrath and the Dawn

wrath

Titolo: The Wrath and the Dawn
Autore: Renée Ahdieh
Casa editrice: G.P. Putnam’s Sons Books for Young Readers
Anno: 2015
Lingua: inglese

“Wife.”
He nodded.
“My king.”
I will live to see tomorrow’s sunset. Make no mistake. I swear I will live to see as many sunsets as it takes. And I will kill you. With my own hands.

Non sapevo nulla di questo libro, poi un giorno vidi che lo leggeva un’amica della mia umana e, dopo aver scoperto che si trattava di una sorta di riscrittura de Le mille e una notte, sono corso a rubarle dei soldi per comprarlo. Inutile dire che non me ne sono affatto pentito!

La storia:
Shahrzad decide di offrirsi volontaria come sposa per il califfo Khalid, un mostro che ogni giorno sposa una ragazza per poi ucciderla all’alba: il suo scopo, quello di vendicare la sua migliore amica Shiva, da poco caduta vittima del sanguinario sovrano. Purtroppo però le cose non sembrano andare come da programma e ben presto la nostra coraggiosa protagonista si trova a dover fare i conti con un sentimento imprevisto…

Recensione:
The Wrath and the Dawn è il primo volume della saga omonima creata da Renée Ahdieh. Proprio come ne Le mille e una notte, Shahrzad si presenta alla corte di Khalid decisa a sopravvivere ben oltre la prima notte di nozze. In questa nuova rivisitazione, tuttavia, non solo la protagonista è mossa da un obiettivo diverso, e forse più rischioso dell’originale, ma ben presto il libro abbandona il filone delle fiabe raccontate dalla ragazza per concentrarsi sulla complessa e appassionante storia della coppia, nonché sul mistero che circonda Khalid. Detto così, potrebbe far storcere il naso agli appassionati dell’originale, tuttavia è bene ricordare che ci troviamo difronte a una rivisitazione e, soprattutto, a uno young adult. E il lavoro di Ahdieh, a mio parere, non fallisce assolutamente nel suo intento: de Le mille e una notte mantiene, infatti, il concetto di base e l’ambientazione suggestiva, ma a questo aggiunge il fattore romantico, il mistero e una manciata di personaggi intriganti e ben caratterizzati.
Diviso in trentaquattro capitoli, il libro racconta la storia attraverso due principali pov: quello di Shahrzad, la giovane protagonista, combattuta tra l’odio e l’amore nei confronti di Khalid, ma guidata anche da un profondo coraggio e dal desiderio di conoscere cosa effettivamente lo spinga a tanta crudeltà; e quello di Khalid, portatore di un segreto più grande di lui e attratto dalla ragazza tanto da esserne ossessionato. Altri pov, seppure non altrettanto frequenti, contribuiscono, inoltre, all’evoluzione della storia concentrandosi sulle vicende dei personaggi secondari. Lo stile dell’autrice è scorrevole, senza comunque perderne in qualità; la storia è coinvolgente e, se non si è ossessionati dall’indiscussa fedeltà all’originale (che, personalmente, in questo caso non considero indispensabile), The Wrath and the Dawn è una lettura piacevole e appassionante, adatta agli amanti degli young adult, delle atmosfere orientaleggianti e, perché no, anche delle fiabe. Una nota di merito va, inoltre, alla copertina di cui io, avendo comprato la versione digitale, non ho potuto godere pienamente, ma che trovo essere veramente stupenda; se potete vi consiglio, dunque, di acquistare la versione cartacea del libro che, sono certa, non vi deluderà.

Commento:
Una storia raffinata, appassionante, molto ben scritta e con personaggi interessanti. Una cosa che tendo ad apprezzare molto in un libro è quando le parole si trasformano in immagini e ti sembra di essere catapultato in quel mondo, di vedere ogni scena prendere vita davanti ai tuoi occhi. The Wrath and the Dawn è riuscito in questo con una raffinatezza esemplare: mentre leggevo mi sembrava di camminare tra i corridoi del palazzo reale, vedere le sue stanze sontuose, i personaggi seduti tra i cuscini, Shazi affacciata al terrazzo della sua stanza, Khalid giocare con i bracciali al suo polso… Mi ha catturata, emozionata, tenuta sulle spine. Più la storia avanzava più non riuscivo a staccare gli occhi dalle pagine, fino a ritrovarmi alla fine senza neanche accorgermene e… ok, direi di non poter proseguire oltre. 😉 Ad ogni modo, ho letteralmente adorato The Wrath and the Dawn come non avrei mai pensato di arrivare a fare con uno young adult. Unica critica: l’estratto da The Rose and the Dagger, secondo volume della serie, a fine libro. Il capitolo ha sconvolto completamente le aspettative che mi ero fatto e mi ha lasciato con mille punti di domanda che mi tormenteranno finché non potrò mettere le zampe sul volume completo: in uscita il prossimo 3 maggio!
Nel frattempo, se qualcuno fosse interessato alla versione italiana del libro, vi informo che è in uscita il prossimo 4 febbraio con il titolo (di dubbio gusto!) La moglie bambina.

Il mio voto: ★★★★☆ (4.5)

Advertisements
This entry was posted in Letture & letture and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s